Ligabue dedica nel 1998 questa dolce canzone al figlio Lenny. © 2019 Copyright © 3W Media, All Rights Reserved. Dichiara Baglioni: "È una canzone che nel tempo è diventata una sorta di inno, dell'augurio, della promessa, del patto stabile che ci deve essere tra coloro che sono già al mondo e quelli che stanno per arrivare. Le canzoni italiane più belle dedicate ai figli. Lei non sa vedere al di la di quello che da Una delle più belle e originali di sempre sul tema, dove politica, amore e pura poesia si fondono perfettamente in pieno stile Radiohead. Se cercate qualità, originalità e incredibile profondità, i Radiohead – una delle maggiori band degli anni 90/2000 – sono sicuramente le persone giuste. Canzoni dedicate ai figli: le migliori Per un genitore, il vero senso della vita sono i propri figli e sono rari, per fortuna, coloro che la pensano diversamente. Anzi, al figlio, nato nel 1982. I versi a cui fa riferimento vengono ovviamente dall’Inferno di Dante. Tanti cantautori italiani hanno scritto delle canzoni per celebrare la nascita dei propri figli, vi elenchiamo alcune delle canzoni dedicate ai figli appena nati. canzoni più belle e famose di Claudio Baglioni, Canzoni da dedicare a un fratello o sorella. Ma come vorrei avere i tuoi occhi, spalancati sul mondo come carte assorbenti L'ho amata e la amo moltissimo, ma in quel momento fu un trauma: mi sentii diverso io per primo, come se la sua malattia fosse una condanna per qualcosa che io avevo fatto. Dal testo trapela un certo senso di protezione del padre nei confronti della figlia nascente. "Sarà difficile diventar grande prima che lo diventi anche tu. Non un pezzo molto originale originale, ma non c’è forse brano più sincero e delicato della hit scritta da Lorenzo nel 1999 e indirizzato alla piccola Teresa Lucia, nata il 13 dicembre 1998. Una delle canzoni più famose del cantante. Sotto la doccia, fuori dalla doccia, in auto e anche per strada. Canzone scritta nel 1991 da Lenny Kravitz per la figlia Zoe. Le canzoni italiane più belle dedicate ai figli. Quando il tuo sguardo arriverà La canzone, cantata nel 1968 da Paul McCartney, è stata da lui scritta per confortare Julian, il figlio di John Lennon, dopo il divorzio tra il padre e Cynthia Powell. Non un pezzo molto originale originale, ma non c’è forse brano più sincero e delicato della hit scritta da Lorenzo nel 1999 e indirizzato alla piccola Teresa Lucia, nata il 13 dicembre 1998. Queste erano le nostre scelte di canzoni sui figli perfette da ascoltare, cantare, dedicare o da usare come stati per Whatsapp, Facebook o Instagram. Un pezzo con un’anima. La vita no non è uno scherzoMa ha la sua ironiaIo sorridevo per mestiereMa era una bugiaE' più che una famigliaIo volevo l'anarchiaMa adesso asciugo tutti con la tua fotografiaAvevo perduto fiducia nel mondoSenza nemmeno rendermene contoIl lavoro andava a gonfie veleLa casa una barca che andava giù a fondoSai che la mamma aspettava un bambinoMa dopo l'ha persoIo paralizzato come un brutto sognoMentre lei piangeva e cadeva in ginocchioE in quel momento mi si è rotto qualche cosa dentroPer la prima volta mi sono sentito vecchioVittima di una fattura una stregoneriaTu hai rotto il sortilegioPerché sei una magiaE ti porterò lontanoCon la forza di un missileE ti prenderò per manoTi porterò a giocare su un pratoE il telefono l'ho buttatoE ho buttato tutte le parePer fortuna assomigli a tua madrePer fortuna sei tutto tua madreQuand'è che ci fate un figlio?Tutti la stessa domandaIo trattenevo la rabbiaPerché avrei voluto spaccargli la facciaAvevo perso da mò la speranzaNon sopportavo più tutto quel drammaAd avere coraggio ci pensava mammaTra medicine e le punture in panciaMesso alle corde anch'ioPensavo alla religioneSe un figlio è un dono di DioForse questa era la mia punizioneMa quelli che mi amanoCon il biglietto per il mio spettacoloChissà se immaginanoChe hanno pagano le cureEd i dottori che hanno realizzato il miracoloOra so che dietro il caos c'è un senso più profondoSei nato a febbraio lo stesso giorno del nonnoMamma incredula temeva che fosse un miraggioE i primi mesi ti ha tenuto giorno e notte in braccioE ti porterò lontanoCon la forza di un missileE ti prenderò per manoTi porterò a giocare su un pratoE il telefono l'ho buttatoE ho buttato tutte le parePer fortuna assomigli a tua madrePer fortuna sei tutto tua madreDa mamma hai preso il nasinoLa forma degli occhi e del visoE l'abilità di cambiarmi l'umoreSoltanto facendo un sorrisoQuando non dormi mai fino al mattinoO quando fai casino rido perchéLa testa dura e la voglia di urlareQuelle le hai prese da meLe hai prese da meE ti porterò lontanoCon la forza di un missileE ti prenderò per manoTi porterò a giocare su un pratoE il telefono l'ho buttatoE ho buttato tutte le parePer fortuna assomigli a tua madrePer fortuna sei tutto tua madre. Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo, in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento, e non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica. Parlando dell’ispirazione della canzone la cantante ha detto: “Il testo dell’inciso ‘Amor che nulla hai dato al mondo’ mi è venuto sulle labbra scendendo con l’ascensore nel mio studio e subito l’ho cantata”. Il testo, inutile dirlo, è di una bellezza che lascia senza parole e il celebre ritornello è da pelle d’oca. Fiore di maggio. Questa canzone di Edoardo Bennato è perfetta da dedicare a una bambina, nel giorno del suo compleanno. Amore diversoIo ti proteggeròoh sì ti stringeròe mai niente ti farò del male.Io ti accarezzeròe poi ti culleròper farti addormentare.E ti canterò canzonidi forti emozioniquando fuori tuona il temporale.E sempre ti sussurreròquelle dolci paroleche so ti fanno stare bene.Sarà un amore diversogrande come l'universoche il tempo non potrà toccarefarò una casa di cartasu un'isola desertadove il vento verrà a giocaree una finestra sempre apertaper chi sa volareche da noi possa arrivarea riposare.E ho braccia fortie larghe spalleper poterti meglio abbracciare.E se fa freddola notte col mio corpo ti potrai scaldare.E dopo ore e ore e ore d'amoresul mio petto ti farò dormiree sognerai di ballarea tempo col mio cuoree il sole ti verrà a svegliare.Sarà un amore diversogrande come l'universoche il tempo non potrà toccare,piccole cose da riscaldaregrandi aquiloni da far volare.E sarà sempre un nuovo giocoper tenere acceso il fuoconel lungo tempo da venire,piccole pietre da trasportaree da seguire per ritornare.Io ti proteggeròoh sì ti stringeròe mai niente ti farà del male.Io ti accarezzeròe poi ti culleròper farti addormentare.E dopo ore e ore e ore d'amore,sul mio petto ti farò dormiree sognerai di ballarea tempo col mio cuoree il sole ti verrà a svegliare.Sarà un amore diversogrande come l'universoche il tempo non potrà toccare,piccole cose da riscaldare,grandi aquiloni da far volare.E sarà sempre un nuovo giocoper tenere acceso il fuoconel lungo tempo da venire,piccole pietre da trasportaree da seguire per ritornare. CANZONI ITALIANE DA DEDICARE AI FIGLI Ricordo il primo pensiero che mi è frullato per la testa appena ho stretto tra le braccia mio figlio appena nato: “si scopre l’esistenza di un amore così grande solo quando per la prima volta tieni in braccio tuo figlio”. Per te di Lorenzo Cherubini - VIDEO “È per te ogni cosa che c’è ninna na ninna e”. Tanti cantanti hanno dedicato dolcissime canzoni ai loro bambini: Eros Ramazzotti alla figlia Aurora, Gianna Nannini a Penelope, Jovanotti a Teresa. Il cantante si è messo a nudo tra aborto, finzioni, e la gioia della nascita.Dice J-Ax: "Ho voluto scrivere un pezzo per le persone che vivono il dramma di voler creare una nuova vita, senza riuscirci, situazione in cui per qualche anno mi sono trovato anch'io". Il brano ha partecipato al 62esimo Festival della Canzone Italiana di Sanremo. Ecco nella galleria fotografica le canzoni più belle da dedicare ai propri bambini, soprattutto se sono amanti della musica e aspiranti cantanti. Beh, i cantanti lo fanno! Cerchi un motivo per quello che è successo, e pensi che quel motivo sei tu. E tutto il dolore Tutto ciò che esiste, tutto ciò che accade, “è per te”, per sua figlia. Angelo, prenditi cura di lei Copyright © 3W Media, All Rights Reserved. Ad aggiungere ispirazione naturalmente il “miracolo” della vita, ovvero l’apparizione dei figli. I cookie non possono identificarti. Ecco la raccolta delle 15 canzoni più dolci di tutti i tempi. Or in the flood E una creatura che nasce è proprio come un fiore che sboccia. di Milano n. 1292226 | Capitale Sociale : € 2.600.000 i.v. Passiamo in Italia, dove le canzoni per i figli sono una questione abbastanza recente. * Lasciamoci respirare . Visualizza altre idee su canzoni dell'asilo, filastrocche, filastrocche scuola dell'infanzia. "Prima di ogni cosa" è Il singolo di Fedez dedicato a lui. stare eretto e forte Si tratta quasi di una preghiera. Le più belle canzoni italiane d'amore. La penna dei poeti Da Jovanotti a Bob Dylan, dal rock al pop al rap, abbiamo selezionato alcuni dei brani più belli della musica mondiale pensati per i figli, belli da ascoltare da Youtube e da dedicare a vostro figlio e vostra figlia. Camminerai dimenticando Nel video ufficiale della canzone ci sono Smith e suo figlio Trey che giocano. Avrai gli occhi di tuo padree la sua malinconiail silenzio senza tempo che pervadeal tramonto la mareaArriveraicon la luna di settembreche verseràil suo latte dentro mee ti ameròcome accade nelle favole per sempre…, ti aspetteròsenza andar viacome fanno già le rondini nell'arianella terra miache invecchia masulla scia di un'altra età ballandosognamentre la tenera luce dell'estall'alba illumina speranze e ginestree il cielo è così…celeste…celeste…, Avrai libri, sandali e secchielliluminosi "amarcord"saranno neri come i miei i tuoi capellima in un attimo lo sovolerai viaverso l'isola lontanadi una cittàcome ho fatto un giorno anch'ioamore mioperché il sole può scordarsi della luna…. Scritta dall'autore dei "Matia bazar", il testo parla delle meraviglie di un amore appena sbocciato e della felicità dell'innamoramento, mentre la melodia è tipica sanremese. Questa canzone è dedicata al figlio che doveva nascere e Ligabue canta "Prova a esser pronto tu per noi", sperando che il figlio sia pronto ad accogliere i genitori. Molti cantanti, italiani e stranieri, hanno voluto fare un omaggio ai propri bambini e celebrare un legame speciale e unico al mondo con emozionanti brani musicali che hanno fatto la storia della musica dell'ultimo secolo. Come il soffio della vitache spalanca anche le impostee a sorridere ti invitaanche quando non lo vuoiquesto vento innamoratoche anche tu respirerai che respirerai…, e poi avrò il coraggio di aspettartiancora un po'e ti prometto che vedrai dalle finestreun cielo così…celeste…celeste…un cielo così celeste…. Ma come vorrei avere da guardare ancora tutto come i libri da sfogliare Prima le canzoni italiane, poi quelle straniere. Diventare genitore è una gioia immensa che, spesso, si cerca di esprimere attraverso delle emozionanti frasi dedicate ai figli. Non mettere al centro se stessi, ma pensare prima agli altri. Capisci che non è tutto dolore. Governance: Codice etico - Ogni tanto mi sorprendoun po' t'invento un po' ti daiOgni tanto perdo il filo forse non ci seinon hai nome chi ti crede fiore di ninfeaDuri un attimoOgni tanto fai spaventoprendi tutto e non ti fermo Amor che nulla hai dato al mondoQuando il tuo sguardo arriveràSarà il dolore di un crescendoSarà come vedersi dentro Quando quest'alba esploderàSarà la fine di ogni stellaSarà come cadere a terraOgni tanto mi sospendo foglie al vento vengo da teSei celeste melodia, tutto cambierai, per un attimo Amor che nulla hai dato al mondoQuando l'estate arriveràSarà il dolore di un crescendoSarà come riaverti dentro Ogni tanto penso a teSposti tutti i miei confiniAmor che bello darti al mondoAmor che bello darsi al mondoQuando quest'alba esploderàVivrò nel fuoco di una stellaper lasciare con te la terra. Inizia con il battito cardiaco della bambina e poi è un inno euforico alla gioia di essere padri. Anna Oxa ha cantato questa canzone nel 1988. Leggi articolo, Poesie per la festa della Mamma: le più famose e le inedite. La festa dei nonni è una delle più attese dell’anno. 15 canzoni dedicate ai figli. E poi perché è un futuro: "Avrai" significa stabilire ancora una volta in più una concordia, un senso di trasmissione, sia di valori ma anche di cose che diano esperienza, tradizione, ma anche slancio per il futuro che noi pensiamo debba sempre essere la parte migliore della nostra esistenza". All'inizio Il brano inizia con John che conforta suo figlio da quello che è presumibilmente un incubo e si sviluppa in una descrizione appassionata dell'amore per il figlio. È un amore fatto di gesti, piccoli e grandi, ma anche di parole.Innumerevoli volte i genitori dicono ai loro figli quanto gli vogliono bene e un modo per farlo è proprio quello di dedicare loro una canzone.Ma quali sono quelle più belle? Ecco la colonna sonora per le nostre gite: 10 canzoni per 10 città italiane. Avrai, Claudio Baglioni (1982) Fiore di maggio, Fabio Concato (1984) L’Aurora, Eros Ramazzotti (1996) Benvenuto, Vasco Rossi (1996) Da adesso in poi, Ligabue (1998) Per te, Jovanotti (1999) Angelo, Francesco Renga (2005) Ogni tanto, Gianna Nannini (2011) Amore diverso, Eugenio Finardi (1983) Questa canzone del 1988 è stata presentata al Festival di Sanremo ed è ha avuto subito moltissimo successo. Sarà come vedersi dentro. E chiudiamo in bellezza, con uno dei più grandi artisti dei nostri tempi, ovvero il leggendario Bob Dylan, uno di quelli che ci ha aiutato a capire il senso della vita. Le canzoni dedicate ai figli da cantare insieme a squarciagola. For you will still be here tomorrow In Father and son il figlio esprime il bisogno di iniziare una nuova vita e il padre, che non ne comprende la ragione, e lo invita a godere di quello che ha. La canzone fu scritta per Sean, figlio di Lennon e Yoko Ono. "Ogni tanto" celebra l'amore di una madre per la figlia, un sentimento che è palpabile in questi versi. Will Smith dedica al figlio questa canzone nel 1997. Il senso di paternità coglie Jovanotti impreparato ma quest' ultimo confuso da un vero e proprio "pulviscolo emotivo" si rende conto di quello che gli sta accadendo molto lentamente.