Il padre, Nemo Merini, originario di Brunate, primogenito degli otto figli di un conte comasco diseredato per aver sposato una contadina, è impiegato di concetto presso le assicurazioni "Vecchia Mutua Grandine ed Eguaglianza", precisamente nella società affiliata denominata "Il Duomo"[5]; la madre, Emilia Painelli, è casalinga. And while the director stands with the still camera, waiting for a look, a twitch, a word from the woman, she seduces him speaking of poetry, mysticism, philosophy, music, of foolishness poured out in verse, of Christ and passion, without censuring family pain and the experience of the asylum."[12]. Her work earned the attention and the admiration of other Italian writers, such as Giorgio Manganelli, Salvatore Quasimodo, and Pier Paolo Pasolini. La sua famiglia è di modeste condizioni: il padre Nemo un dipendente di una società di assicurazioni, la madre Emilia una casalinga. Diario di una diversa.[23]. Nasce aMilano da una famiglia modesta, il padre è un dipendente in un’ agenzia di assicurazioni e la madre una casalin… In 1979, Merini started putting together a particularly intense body of work based on her experience at the psychiatric warden. Alda Merini: quando non ci saremo più, usciremo dalla Storia, che ci deforma sino a renderci irriconoscibili, per rientrarci come ricordo, come altrui pensiero, come speranza tremante di un futuro incontro. Some of her most dramatic poems concern her time in a mental health institution (from 1964 to 1970). Stampato in 33 copie, edizione 7247. Roberta Bottari wrote in Il Messaggero: "With a voice that betrays her childlike candor, a smile that illuminates her eyes and the unmistakable fire-red lipstick, Alda Merini abandoned herself to Cosimo Damato. La sua poesia riflette la sofferenza e il dolore patiti durante la vita: infatti, per una depressione post-parto, la Merini venne internata in un manicomio dove visse per molti anni. Il 21 marzo, presente la stessa poetessa, in occasione del suo settantatreesimo compleanno, viene eseguito un recital al Teatro Strehler di Milano, in occasione della presentazione del disco; il disco venne riproposto poi con successo nello stesso teatro per un ciclo di serate musicali nel maggio 2005, sempre con la presenza della poetessa sul palco. Merini's pregnancy was followed by a bout of depression, and she spent a period of time in isolation until she was sent to the mental health clinic Paolo Pini. In questo periodo, scrive venti poesie-ritratti de, La gazza ladra, probabilmente risalenti al 1985, inedite fino al volume Vuoto d'amore, oltre alcuni testi per Pierri. Il dolore è senza domani, è un muso di cavallo che blocca e lo Si alterneranno in seguito periodi di salute e malattia, probabilmente dovuti al disturbo bipolare. Merini dedicated the collection of poems Tu sei Pietro (You are Pietro), published by Scheiwiller in 1962, to Pietro De Pascale, the doctor who took care of her child. Vengono riportate 53 poesie, quasi tutte inedite e curate nella edizione da Roberto Fattore, Luca Bragaja, lo stesso Marco Campedelli e Massimo Natale. Alda Merini negli anni a venire ha analizzato lucidamente gli errori del sistema e le mortificazioni che attuava attribuendo una colpa preponderante alla società civile. L’itinerario “La Milano di Alda Merini” dura circa un’ora e mezza e si svolge percorrendo a piedi lungo il Naviglio le tappe più importanti della storia della Merini, mentre si ascoltano le … Tra i vari personaggi che sono stati colpiti da questo disturbo, reputo tra le più enigmatiche e interessanti Alda Merini. Attraverso una sua insegnante delle medie fu presentata ad Angelo Romanò che, apprezzandone le doti letterarie, la mise in contatto con Giacinto Spagnoletti, il quale divenne la sua guida, valorizzandone il talento[10]. In 1991 she published Le parole di Alda Merini (The Words of Alda Merini) and Vuoto d'amore (Empty Love). I versi che compongono la raccolta sono stati scritti dal 1996 al 1999. Si cita ad esempio l'incontro che si è tenuto il 21 luglio al Teatro Romano dal titolo Ebrietudine, omaggio ad Alda Merini, sei cantate composte da Federico Gozzelino su sue poesie. Alda è secondogenita di tre figli, tra Anna, nata il 26 novembre 1926, … In the same year Merini met the artist Giovanni Bonaldi with whom she formed a genuine and strong friendship. This development in her work led to the composition of shorter texts and simple aphorisms. Nata a Milano il 21 marzo del 1931, e scomparsa a 78 anni il 1 novembre 2009, per molti Alda Merini è stata tra le più grandi poetesse italiane. Giugno 2000. Nel 2009 esce il documentario, Alda Merini, una donna sul palcoscenico, del regista Cosimo Damiano Damato, presentato alle Giornate degli Autori della 66ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Nel 2013 è omaggiata da Norman Zoia (con lei a Milano nel 1990 alla sesta rassegna internazionale di poesia) a pagina 19 di passi perversi: "Nobile grazia di Venere e coraggio di Madre / dolcezza dell'umano genere / diangelo di stile". In 2007 she won the Elsa Morante Ragazzi Award with Alda e Io – Favole (Alda and Me: Fairytales), a poem written in cooperation with the fable author Sabatino Scia. The same year she was awarded the Procida Prize. In una toccante intervista rilasciata nel 1997, disse : “Penso che la base della … L'iniziativa viene poi ripresa dalla Università degli Studi di Roma "La Sapienza" nel progetto "I Folli". Annunziata. Il musicista pugliese Vincenzo Mastropirro musica alcune liriche tratte da "Ballate non pagate" (Einaudi editore)[20]. Alda Merini passed away in Milan on November 1, 2009, following a brief illness. Alda Merini (Milan, 21 March 1931 – Milan, 1 November 2009) was an Italian writer and poet. Nel 2006 si avvicina al genere noir con La nera novella, edita da Rizzoli. The selected works were the lyric poems Il gobbo (The Hunch), dated 22 December 1948, and Luce (Light), dated 22 December 1949 and dedicated to Spagnoletti. Poesie per Marina 1984-2004, edita da Scheiwiller. mentre crea i propri versi. La scrittrice ritorna successivamente nella propria casa di Porta Ticinese[32]. She also put together a small publication for La Vita Felice publishing house made of old and new poems, a confessional diary, a selection of short stories and an interview entitled Un'anima indocile (A Restless Soul). She trusts him, she 'feels' that she will not be betrayed. - Alda Merini, from L'altra verità. Dopo aver terminato il ciclo elementare con voti molto alti, è però il padre che le impone di frequentare i tre anni di avviamento al lavoro presso l'Istituto Professionale Femminile Mantegazza, in via Ariberto[8]. Alda Merini Alda nasce a Milano, il primo giorno di primavera del 1931. Novembre 2002. Userò la sua storia, oggi, per raccontarvi le tante contraddizioni che caratterizzano il mondo del soggetto bipolare. In quel periodo affitta una camera della propria abitazione ad un pittore di nome Charles, iniziando a comunicare telefonicamente con l'anziano poeta Michele Pierri, che, in quel difficile periodo di ritorno nel mondo letterario, aveva dimostrato di apprezzare le sue poesie. Più bella della poesia. Li racconta il documentario “La pazza della porta accanto” di Antonietta De Lillo, in onda sabato 29 ottobre alle 22.10 su Rai Storia, per il … Giacinto Spagnoletti sarà il primo a pubblicarla nel 1950, nell’Antologia della poesia italiana contemporanea 1909-1949, con le liriche Il gobbo, datata 22 dicembre 1948, e Luce, del 22 dicembre 1949, a lui dedicata. Comincia a scrivere versi fin dall’infanzia, frequenta le scuole professionali e studia il pianoforte. La storia di Alda è una storia molto particolare. ALDA MERINI Una storia diversa . It was followed by Reato di vita: Autobiografia e poesia (Life Crime: Autobiography and Poetry) published by Edizioni Melusine. e S. Quasimodo. MILANO –Tra Alda Merini e Giorgio Manganelli ci fu nel 1947 una fugace storia d’amore, ostacolata dalla precoce età di lei, appena quindicenne, e dal matrimonio di lui. On July 7, 1983, her husband suddenly passed away and Merini, without any support from the literary community, worked hard to get more of her poems published to support herself and her family but to no avail. Edizioni Pulcinoelefante, Osnago, (Milano), Perché, Poesia di Alda Merini, acquerello di Ugo Giletta. Alla fine del 2005 esce per Crocetti Editore Nel cerchio di un pensiero (teatro per voce sola) raccolta nata dalle sue dettature telefoniche a Marco Campedelli. Alda Merini (21 March 1931, in Milan – 1 November 2009, in Milan) was an Italian writer and poet. In occasione del finissage della mostra, domenica 10 novembre, è prevista una visita guidata, alle ore 16, che culminerà con una performance Continue … Sono questi anni fecondi dal punto di vista letterario e di conquista di una certa serenità. Sorgono numerosi blog telematici e siti internet nei quali viene richiesto l'intervento del sindaco di Milano Gabriele Albertini. After graduating from primary school with very high marks, she attended the three-year school-to-work transition programme at the Istituto Laura Solera Mantegazza in via Ariberto in Milan, while trying to be admitted to Liceo Manzoni. In November of the same year, Ariete published Curva di fuga (The Vanishing Curve), which Merini presented at Castello Sforzesco in Soncino, where she was presented with the honorary citizenship. Nel 2002 viene stampato dall'editore Salani un volumetto dal titolo Folle, folle, folle d'amore per te, con un pensiero di Roberto Vecchioni[29][30] e nel 2003 la Einaudi Stile Libero pubblica un cofanetto con videocassetta e testo dal titolo Più bella della poesia è stata la mia vita. Merini's years in Milan were very productive. Leggendo questo profilo biografico puoi conoscere anche la filmografia, la bibliografia, la discografia, la data in cui è nata, il giorno e l'età in cui è In 1955 she published her second collection of poems, Paura di Dio (Fear of God). I suoi minitesti risultano essere più di cinquecento. Quindicenne, torna a casa con una recensione di una sua poesia scritta da Spagnoletti; emozionatissima la mostra all'amato padre, che però la prende e straccia in mille pezzi dicendo alla figlia “Ascoltami, cara, la poesia non dà il pane”[8]. In memoria della sua persona e della sua opera, le figlie Emanuela, Barbara, Flavia e Simonetta, hanno dato vita al sito internet www.aldamerini.it , un’antologia in ricordo della poetessa, un elogio all'”ape furibonda”, alla sua figura di scrittrice e madre. (biografieonline.it) Alda Merini, poetessa milanese, nasce nel capoluogo lombardo il 21 marzo 1931. Nel 1991 escono Le parole di Alda Merini e Vuoto d'amore a cui fa seguito nel 1992 Ipotenusa d'amore; nel 1993 viene dato alle stampe La palude di Manganelli o il monarca del re, il volumetto Aforismi, con fotografie di Giuliano Grittini e Titano amori intorno . Her 1986 poem The Other Truth. Nel 1955 esce la seconda raccolta di versi, intitolata Paura di Dio, con le poesie scritte dal 1947 al '53, alla quale fa seguito Nozze romane. Edizioni Pulcinoelefante, Osnago (Milano). Il 18 marzo 2002 è stata insignita del Sigillo longobardo, onorificenza assegnata ogni anno dal Consiglio regionale della Lombardia nell'ambito della tradizionale Festa dello Statuto. Negli anni della scuola Alda dedica molto temp… La frase riportata è di Alda Merini (Milano, 21 marzo 1931 – Milano, 1 novembre 2009), poetessa dalla sensibilità elevata, simbolo, anche, del malessere degli individui, malessere che per lei aveva come paracadute soltanto la poesia. In 1995 she published La Pazza della porta accanto (The Mad Woman from Next Door) with Bompiani and Ballate non pagate (Unpaid Dances) with Einaudi. Per sottolineare la natura orale e orfica dei componimenti è stato scelto di non inserire segni di interpunzione tra e nei versi. Nel 2000 esce nell'edizione Einaudi, Superba è la notte, un volume risultato di un lavoro minuzioso compiuto su numerose poesie inviate all'editore Einaudi e ad Ambrogio Borsani. Alda Merini – Lorenzo Maria Bottari ALDA MERINI Breve ricordo ed un omaggio con sue poesie ad una delle più grandi poetesse del '900 a cura di Tony Kospan – Un interessante articolo dedicato a lei – 5 sue poesie belle e , L'Associazione culturale La Casa delle Artiste che gestisce, su mandato del Comune di Milano, la Casa Museo Alda Merini, presenta la prima edizione del "Premio di poesia Casa Museo Alda Merini". Alda Merini nasce a Milano il 21 marzo 1931 ed è considerata una delle maggiori poetesse e scrittrici italiane del Novecento. Alda Merini nasce il 21 marzo 1931 a Milano. Alda è secondogenita di tre figli, tra Anna, nata il 26 novembre 1926, ed Ezio, nato il 23 gennaio 1943, che la scrittrice fa comparire, sia pure con un certo distacco, nelle sue poesie. Sarà in questo periodo che nasceranno libri come Delirio amoroso (1989) e Il tormento delle figure (1990). Nata a Milano il 21 marzo del 1931, e scomparsa a 78 anni il 1 novembre 2009, Alda Merini è stata tra le più grandi poetesse italiane. Alda Giuseppina Angela Merini nasce il 21 marzo 1931 a Milano in viale Papiniano, 57, all'angolo con via Fabio Mangone[1]. Chimera proved to be a particularly inspirational setting, and it was there that Merini wrote her next two books, Delirio amoroso (Love Delirium, 1989) and Il tormento delle figure (The Figure's Torment, 1990). Tutte le informazioni su Italiani in onda su Rai Storia. Alda Merini - Lorenzo Maria Bottari ALDA MERINI Breve ricordo ed un omaggio con sue poesie ad una delle più grandi poetesse del '900 a cura di Tony Kospan - Un interessante… IL MONDO DI ORSOSOGNANTE L’arte della vita sta nell’imparare a soffrire e nell’imparare a sorridere. DOCUMENTARI D’AUTORE La pazza della porta accanto La vita, la casa, la poesia, la sofferenza e il genio di Alda Merini, una delle più importanti poetesse italiane del Novecento. Nel 1995 viene pubblicato da Bompiani il volume, La pazza della porta accanto e da Einaudi Ballate non pagate (Premio Viareggio[19]). Alda Merini è la poetessa che ha maggiormente caratterizzato il 900: scopri la sua incredibile storia e quali sono le sue poesie più famose. Chi era Alda Merini: storia di una donna, di una poetessa Il primo novembre 2009 si spegneva nella sua Milano la poetessa che ha maggiormente caratterizzato il 900. Del 2008 è la pubblicazione del libro in prosa sotto forma epistolare intitolato Lettere al dottor G edito da Frassinelli, a cura di Arnoldo Mosca Mondadori. In the same year she started writing again and got newly in touch with Vanni Scheiwiller, who published L'altra verità. Il libro è diviso in due sezioni: la prima, Poemi eroici, che comprende versi scritti alla fine degli anni novanta, la seconda, Clinica dell'abbandono, che raccoglie i versi degli ultimi anni. Alda è ancora giovane e fa i conti con le esigenze di un "[10] The book was followed by Fogli bianchi (White sheets of paper, 1987), La volpe e il sipario (The Fox and the Curtain, 1997) and Testamento (Testament, 1988). Nel 2005 pubblica con Giovanni Nuti l'album Poema della croce, opera sacra tratta dall'omonimo testo religioso (Frassinelli 2004). Alda Merini è una straordinaria scrittrice, poetessa ed aforista italiana. Lucilla Giagnoni interpreta l'opera dell'autrice nello spettacolo messo in scena da Ivana Ferri. Nel marzo del 2004 esce l'album, intitolato Milva canta Merini, che contiene undici motivi cantati da Milva tratti dalle sue poesie, più una traccia cd rom. Diario di una diversa (The Other Truth. Racconta Maria Corti[15] che lei stessa si era recata presso i maggiori editori italiani senza alcun successo fintanto che, nel 1982, dopo aver raccontato a Paolo Mauri[16] la sua amarezza, quest'ultimo le offrì uno spazio sulla sua rivista per trenta poesie da pubblicare sul nº 4, inverno 1982 - primavera 1983, che, insieme a lei, aveva scelto da un dattiloscritto di un centinaio di testi; in seguito, insieme all'editore Vanni Scheiwiller, avrebbero aggiunto altre dieci liriche, e nel 1984 veniva dato alla stampa La Terra Santa. Nasce in quello stesso anno, poco tempo dopo l'improvvisa morte per infarto del padre, la prima figlia, Emanuela[12]. Il padre è assicuratore, la madre casalinga. Ma del resto dico spesso a tutti che quella croce senza giustizia che è stato il mio manicomio non ha fatto che rivelarmi la grande potenza della vita.». Casa Museo Alda Merini – Via Magolfa, 32 – Milano, La raccolta di dieci brevi poesie nacque in occasione di una manifestazione promozionale della, Uno slogan in versi per il nuovo cellulare, Il telefono le sue rime. La storia di Alda Merini è la dimostrazione di come la violenza possa scalfire la vita di una persona, senza tuttavia spegnerne l’impeto e la passione. From 1950 to 1953 Merini developed a professional connection and close friendship with Salvatore Quasimodo. Tracce, tre poesie inedite di Alda Merini, tre acquerelli, una tempera e un disegno di Ugo Giletta. Nel 1979 riprende a scrivere, dando il via ai suoi testi più intensi sulla drammatica e sconvolgente esperienza dell'ospedale psichiatrico, testi contenuti in quello che può essere inteso, come scrive Maria Corti[14] "il suo capolavoro": La Terra Santa con la quale vincerà nel 1993 il Premio Librex Montale[7]. Muore il 1º novembre 2009, all'età di 78 anni, a causa di un tumore osseo (sarcoma) all'Ospedale San Paolo di Milano[3], quella sera sotto l'ospedale le fanno idealmente compagnia un piccolissimo gruppo di artisti milanesi, tra cui Ezio Pedroni. Non essendo stato possibile dare al materiale un ordine cronologico i curatori si sono basati sull'omogeneità tematica e stilistica complessiva dell'opera. Aprile 2008. Her father, Nemo Merini, was an employee working at the insurance company "Vecchia Mutua Grandine ed Eguaglianza il Duomo". Da tutta Italia vengono inviate e-mail a sostegno di un appello lanciato da un amico della scrittrice che richiede aiuto economico. [7] However, in 1982, Paolo Mauri,[8] had offered to publish thirty of her poems, chosen from a typewritten document of about one hundred, on his journal (n. 4, Winter 1982-Spring 1983).